L'Evento

L'Evento

ll prossimo ‪31 Luglio presso i Giardini del Pomodoro San Marzano DOP (Contrada Faricella) a Sarno, si terrà in esclusiva mondiale il primo evento a difesa della nostra terra: il Pomodoro San Marzano Day.

La voglia di difendere la nostra terra e le nostre radici è molto forte in noi e siamo pronti a tutto pur di far sentire la nostra voce e quella degli‪ ‎agricoltori‬, che da sempre lavorano nei campi salvaguardando la ‪Natura‬.

Solo grazie al loro sapiente lavoro ed i loro preziosissimi consigli le generazioni più giovani, oggi conoscono una storia lunga centinaia di anni ed invidiata da tutto il globo.

Quando si parla di madeinitaly molto spesso ci si dimentica del pomodoro San Marzano DOP, quello vero, coltivato nell'Agro Nocerino-Sarnese. Eppure molti chef stellati e maestri pizzaioli scelgono il meglio della nostra terra per i loro prelibati piatti ed in occasione di questo evento, si sono offerti spontaneamente per scendere in campo a difesa del San Marzano.

Ancora oggi molti attacchi sono mirati a destabilizzare questa bellissima storia d'amore tra l'‪uomo‬ e ‪‎la Natura‬, partendo da chi evidentemente non ha mai messo piede in un campo aperto e non ha mai avuto il piacere e l'onore di conoscere e stringere la mano a dei veri uomini come gli agricoltori.
Hanno proposto cose improbabili e parlato di cose impossibili da fare, che hanno come unico obiettivo quello di cancellare la nostra ultra centenaria storia, quella stessa storia scritta con sudore e sacrificio da nonni italiani.

A partire da quest’anno l’Evento San Marzano Day vuole essere il punto di riferimento in Campania, come Manifestazione Culturale per raccontare a tutti la reale vita svolta nell’Agro-Sarnese-Nocerino al contatto continuo con la Natura.

L’Evento San Marzano Day sarà una giornata di festa per la celebrazione della virtuosa filiera del Pomodoro San Marzano DOP e per la missione che da sempre guida la mano dei lavoro della Danicoop nel tutelare, diffondere e valorizzare la nostra cultura e le nostre importanti radici, dalle quali creare il futuro dei nostri figli.

Legare quindi il buono e sano cibo, allo sviluppo dei nostri territori, formando le future generazioni, evitando lo svuotamento delle nostre terre ed anzi guardando ad un vondo verde, … e un po’ rosso, che sappia risvegliare l’amore per ciò che è veramente importante nella vita.

Ecco per cui il motto della Danicoop è raccolto da Nonni italiani… con una frase che insegna al giovane, un lavoro tramandato da secoli dai nonni, grazie al quale sapremmo raccogliere con saggezza i frutti del futuro.


Il Presidente della Danicoop
Eduardo Angelo Ruggiero
 
 

1

Zi’ Luigi

Punto Accoglienza: Parliamo un po’ di noi


Campi colorati, pieni di sole: perché siamo qui? Passate nella casetta di Zi’ Luigi, uno dei nostri agricoltori più anziani, e potrete ascoltare la storia del vero San Marzano… il protagonista della festa insieme agli agricoltori. Ricordate di ritirare acqua fresca per ristorarvi durante il percorso, gentilmente messa a disposizione da Perrella Distribuzioni.

 

Zi’ Aniell ‘e Pallin

Ripensiamo il cocktail al pomodoro con il Barromolo


Appena arrivati tra i campi? Non negatevi il piacere di un cocktail preparato da Giovanni Orsini, pluripremiato bartender del Barromolo: per questa giornata ha ideato una versione del Bloody Mary ancora più dissetante, con il succo di pomodoro che rinfresca e stuzzica il palato, per godere di una piacevole passeggiata e degustazione.

2

 

3

Zi’ Alfonso

Fare la mozzarella tra i campi? Si può, con Caseificio Aurora!


Avete mai visto come si fa la mozzarella dal vivo? No? Il Maestro Casaro Paolo Amato, patron del Caseificio Aurora di Sant’Egidio del Monte Albino (SA) vi farà vedere come si fa la mozzarella direttamente tra i campi; mozzarella che si sposerà poi con una rinfrescante insalata di pomodori ed ortaggi appena raccolti.


Tutti vogliono la sua pizza… Reginella arriva tra i campi


Leggera, soffice, servita con semplicità: tutti vogliono la pizza di Reginella, realtà famosissima a Sarno e dintorni. Così tanto da convincere Daniele, patron e titolare della pizzeria, a prendere forno e pizzaioli e spostarsi nei campi, dove vi faranno gustare una marinara con autentico e succoso San Marzano. Per il #psmd2017, Reginella si alternerà al forno con Antonio Ferraiuolo, pizzaiolo e patron del ristorante 7 voglie di San Marco Evangelista.

 

Lo Street Food del San Marzano

‘O zeppolar: una tradizione di famiglia, una tradizione sarnese.


Chiunque a Sarno ha mangiato almeno una volta zeppole e panzarotti da ‘O zeppolar: frittelle di pastacresciuta e crocchè di vere patate, conditi con sale e fritti in abbondante olio. La famiglia Mancusi portò a Sarno la tradizione del fritto nel lontano 1913. Da quel momento, ce ne siamo innamorati: ogni giorno, ogni festa è il momento buono per mangiare una zeppola o un panzarotto. Tra i campi, avranno ancora più gusto, soprattutto con la collaborazione speciale della “frittissima” Isabella de Cham, pizzaiola rivelazione di 1947 Pizza Fritta.

Pizza a portafoglio: lo scugnizzo Antonio Langone!

Più piccola di quella classica, ma così buona da volerla mangiare in tre o quattro morsi: stiamo parlando della pizza a portafoglio, lo street food napoletano per eccellenza. Il Maestro Antonio Langone della pizzeria Re Denari di Salerno le prepara in maniera tradizionale, lasciandole riposare nel classico recipiente di rame per poi piegarla in quattro e poterla portare a spasso.

4

 

5

Zi’ Adolfo

Tutto il buono del pane con Panificio Malafronte


Dire pane, a Gragnano, significa subito pensare alla famiglia Malafronte, panificatori da generazioni. Al San Marzano Day presenteranno una selezione dei loro pani, per tutti i gusti e le esigenze: dal pane di soia, a quello di segale, con diversi tipi di lievitazione.

 

Gli Amici del San Marzano

Conosciamo gli Amici del San Marzano

Prendetevi un po’ di tempo per osservare i campi e scambiare due chiacchiere con i nostri agricoltori, oppure i vostri amici, nel pieno rispetto della natura che vi circonda. Avrete a disposizione un’ampia area relax dove gustare birra, vino, olio e conoscere meglio le attività locali delle associazioni che ci aiutano sul territorio.


Coldiretti

Fermatevi per conoscere tutte le iniziative di Coldiretti, la maggiore associazione italiana per la tutela e la rappresentanza degli agricoltori nel mondo. Da sempre al fianco del San Marzano, nella lotta alle contraffazioni e per la promozione in Italia e nel mondo.

Spilliamo la birra di Birrificio Maneba!

La febbre della birra artigianale italiana ha colpito l’Agro Nocerino Sarnese in tempi non sospetti, e Nello Marciano ne è pioniere. La birra torna alle origini, tra i campi. Sorseggiate con gusto una bella Vesuvio, oppure Oro di Napoli.

Pane e.. olio Torretta

Semplicemente, bruschettina con olio: decantata dalla dieta mediterranea, al San Marzano Day sarà proposta con olio Torretta, sia in versione Colline Salernitane DOP che Biologico.

‘nu bicchiere ‘e vino… delle Cantine Santacosta

Vino e campi è un abbinamento che si fa dalla notte dei tempi: Cantine Santacosta non ci delude mai, ed anche al San Marzano Day 2017 presenterà una selezione dei suoi vini, Falanghina ed Aglianico del Beneventano.

Arte… tra i campi: Foto, musica e versi

La vita tra i campi è da sempre un tema molto utilizzato tra gli artisti. Una mostra fotografica a cura di Giuseppe Ferrentino, che ha come tema la vita nei campi e gli scatti dello scorso San Marzano Day; ci sarà spazio per diverse forme di arte, dalla musica alla composizione in versi.


Il San Marzano per la salute

La ricerca ed il buono del cibo con Phenomega

Il buono del cibo è anche ricerca, scienza, studio: la startup Phenomega potrà spiegarvi tutto questo e la loro ricerca continua, sintetizzata dai progetti Aulìva e Buonboniere.

6

 

7

Zi’ Ferdinando ‘e Maccaron

‘E poglianchelle cavere


“Le poglianchelle cavere”, per un sarnese, non hanno bisogno di presentazione. Solo il nome fa ricordare un pentolone ricolmo di acqua bollente e delle “poglianchelle”, che altro non sono se non spighe di granoturco bollite e all’occorrenza insaporite con sale o salsine per i più giovani. Ed i ricordi vanno subito a quell’anziana signora che si metteva in strada a venderle, nei lunghi pomeriggi di agosto…

 

Zi’ Luciano

Tradizione? Gusta Barbacia’!


Angelo Squillante dell’osteria Barbacià ha sempre avuto un sogno nel cassetto: portare avanti le tradizioni di Sarno. E lo fa con grande passione ed abilità, preparando il “pane tuosto” della tradizione nostrana, sapientemente condito e leggero: pomodoro, origano del Monte Saro, pomodori freschi a fette ed un filo d’olio. La dieta mediterranea è qui!

8

 

9

Zi’ Peppe

Coccole e sfizi con Casa Albero


La nostra cucina è ricca di sfizi e coccole per il palato, e non c’è nessuno migliore dello chef Antonio, patron di Casa Albero, per prepararli al meglio. Lasciatevi cullare il palato con bocconcini prelibati dal sapore antico, il sapore che anche i nostri nonni provavano. Lasciatevi trasportare dai ricordi!

 

Zi’ Michele

Fate largo a Mirko Rizzo e Fabio di Giovanni
con l’apecar di aPizz!


Mirko Rizzo di Pommidoro a Centocelle è da sempre amico del San Marzano. Anche quest’anno ci presenta la sua pizza, in speciale collaborazione con aPizz, l’Apecar dotata di autentico forno napoletano per gustosissime pizze a km0. Collaborazione speciale con Fabio di Giovanni, pizzaiolo con alle spalle una lunga tradizione familiare tra forno e banco, ambasciatore della pizza napoletana nel mondo.

10

 

11

Zi’ Ninunccio

Mangiare lento… le Osterie di Slow Food, in collaborazione con Slow Food Agro-Nocerino Sarnese e Marco Contursi


‘O Romano: la vera trattoria sarnese ‘O Romano, da decenni ormai trattoria storica dell’Agro Nocerino Sarnese, propone ogni giorno i piatti della cultura contadina. Chef Cerrato ci delizierà con sughi e carni tipiche della tradizione, raccontandovi la loro storia.


Un’osteria regale: Famiglia Principe dal 1968: Lo chef Lorenzo Principe, dell’Osteria Famiglia Principe dal 1968, vi presenterà una panoramica della cucina locale con assoluto gusto e qualità.

 

Qui... si ammaccano pizze!

Forni a legna per i nostri amici pizzaioli


Non mancheranno ben due postazioni con forno a legna, dove i nostri amici pizzaioli potranno dilettarsi e sfidarsi nella miglior pizza del #psmd2017. Cosa vi occorre? Portate il vostro impasto, tenendo ben presente di lavorare a temperature esterne molto alte; avrete a disposizione il forno e tutto il pomodoro fresco che volete!
Il Maestro pizzaiolo Eduardo Ore, insieme ad Antonio Fusco, ammaccheranno pizze su pizze raccontandovi delle scorse edizioni del #psmd Per quanto riguarda la seconda postazione a legna, le danze saranno aperte dalle pizze di Franco Gallifuoco, patron della storica pizzeria Franco alla Stazione di Napoli.

12

 

13

Zi’ Eduard

C’era una volta… i giochi di un tempo


Sapete cosa è lo “strummolo”? Oppure, come si può giocare con i noccioli dei frutti? Lasciate i vostri bambini qui, per far vedere loro i giochi di una volta, imparare a riconoscere piante e frutti e la storia di Sarno. Siamo sicuri che ne sarete incuriositi anche voi. La sezione sarà a cura della sociologa Concetta Clemente, esperta in formazione infantile e storia locale contadina.

 

Zi’ Regina

Per ‘o muss… l’antico street food dei nostri nonni



Pietro Leone e suo figlio Francesco sono delle istituzioni viventi quando si parla di per ‘e o muss: piede e muso di maiale e talvolta vitello, sbollentati e conditi con lupini, olive e sale. Tipico di una tradizione contadina povera, oggi è una pietanza da passeggio ampiamente rivalutata e lo dimostrano le numerose menzioni sulla guida Street Food del Gambero Rosso ricevute dalla famiglia Leone.



14

 

15

Zi’ Vicienz e Scann

Benvenuti nella dimora contadina degli chef


Semplicità tra i campi con lo chef Raffaele Vitale

Raffaele Vitale, chef campano con un recente passato di stella Michelin al ristorante Casa del Nonno 13, non perde l’opportunità di dimostrare ancora una volta la forza della semplicità che da sempre lo contraddistingue.


Dal mare ai campi, Pasquale Torrente!

Pasquale Torrente, direttamente dal ristorante Al Convento di Cetara, porta con sé il profumo del mare e la sua vitalità, elaborando un piatto con pomodoro fresco appena raccolto.


Lo chef bistellato Giuseppe Mancino tornano a casa tra i campi

L’umiltà e il lavoro hanno portato Giuseppe Mancino a conquistare la prima stella Michelin che era ancora fanciullo, al Piccolo Principe di Viareggio; un lavoro proseguito con la seconda stella. Giuseppe non ha dimenticato, però, le sue origini sarnesi. Ed è così che torna tra i campi dove è cresciuto, tra gli agricoltori del suo pomodoro preferito.


La napoletanissima Antonella Coppola

Sorridente e napoletana fino all’osso, Antonella Coppola non perde occasione per ritornare nella sua terra. Lo fa con gentilezza e innovazione che il lavoro da private chef le ha permesso di acquisire durante la sua consolidata carriera.

 

Zi’ Eduard e Scann

Il barbecue con il San Marzano del griller Venerando Valastro


Prendete un barbecue, della carne adatta ed il nostro pomodoro appena raccolto. Date tutto a Venerando Valastro, il griller più famoso di tutta la Campania. Sarà una sfida all’ultima polpettina con sugo di San Marzano DOP. Non sfidate Venerando. Potreste pentirvene.



La pasticceria del San Marzano



Il Maestro Dolciere del territorio: Alfonso Pepe

Alfonso Pepe non ha bisogno di presentazioni: dai laboratori di Sant’Egidio del Monte Albino si sposta tra i campi del suo amatissimo territorio, per presentare una nuova creazione dolce fatta con San Marzano appena raccolto.


Pasticceria Mamma Grazia

Pasquale Bevilacqua, giovane Maestro pasticciere nell’attività di famiglia a Nocera Superiore, ha a lungo studiato l’abbinamento perfetto tra dolce e pomodoro. Lo presenterà in anteprima assoluta proprio al San Marzano Day.


Pasticceria Bruno: ‘a zizzinella al San Marzano

Il nostro è un territorio di grandi pasticceri, e la pasticceria Bruno di Roccapiemonte conferma questa nostra qualità, presentando il suo dolce al San Marzano: un dolce che racchiude pomodoro, ricotta di bufala ed altre prelibatezze del territorio.


Dalla pizza… al gelato: i mille usi del San Marzano

Come si possono trasformare pizza e gelato in alleati per il benessere della salute? Semplici: usando il Pomodoro San Marzano ed affidandosi alle mani di due Maestri del settore!

Antonio Polzella, patron e pizzaiolo de La Ventola, due spicchi Gambero Rosso,inizia quasi per gioco a modificare gli impasti base della sua pizza; dal gioco, nasce una missione di vita, cioè creare un impasto a basso indice glicemico, adatto per i diabetici. La sua versione della pizza, approvata dagli esperti, si sposa perfettamente con il San Marzano, creando alternative di gusto decisamente valide.

Il Maestro Gelatiere Palmiro Bruschi della storica Gelateria Ghignoni, invece, si diletterà a mostrare agli ospiti gli usi del San Marzano nel gelato naturale, fatto al 100% con materie prime di qualità ed ottimo sostituto dei pasti soprattutto nei periodi caldi.

16

Una giornata a difesa della nostra terra che punta a tenere vive le nostre tradizioni enogastronomiche

Giardini del Pomodoro SanMarzano DOP

Contrada faricella, Sarno

Email: pr@pomodorosanmarzanoday.it

Tel: 081 94 48 98